L’apertura di Centri Creativi Solidali per combattere la povertà educativa minorile

Centri Creativi Solidali per la nascita di una comunità educante

Una delle peculiarità che caratterizzano #Liberailfuturo, progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, è quella di voler riversare gli effetti benefici delle attività progettuali non solo sui percorsi di vita dei ragazzi e delle ragazze direttamente coinvolti negli interventi, ma sul più ampio territorio circostante: per questo una delle macro-attività con cui intendiamo contrastare la povertà educativa giovanile riguarda l’apertura dei Centri Creativi Solidali, una nuova tipologia di centro di aggregazione che vuole offrire attività culturali, ricreative e formative a tutti gli adolescenti dei quartieri interessati.

Al momento il progetto #Liberailfuturo può contare sulla presenza di cinque Centri Creativi Solidali:

  • il CARPET (zona Monte Mario)
  • la sede CEIS di via Ambrosini (zona Montagnola)
  • la sede CEIS di via Appia (zona Capannelle)
  • il Muncraft (zona Vigne Nuove)
  • Linkiostro (zona San Paolo), questi ultimi due finanziati dalla legge 285

Tutti i centri offrono gratuitamente attività ludico-ricreative pomeridiane rivolte a giovani di età compresa tra gli 11 ed i 17 anni, quali laboratori teatrali e artistico-musicali, interventi di socializzazione e sostegno scolastico. 

Per scoprire tutte le macro-attività del progetto leggi questo articolo.