Parte il Contest "LIBERA UN'IDEA" dedicato ai Ragazzi che vogliono migliorare il FUTURO!

Scopri il concorso dedicato ai ragazzi

3, 2, 1… Libera un’idea! 
Parte la I edizione del contest Libera un’idea!

Proposto nell’Ambito del Progetto #LiberailFuturo, promosso da Impresa Sociale Con i Bambini nel quadro del Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa, nasce la I edizione del concorso “Libera un’idea” dedicato ai ragazzi e alle ragazze, ai genitori, agli insegnanti e ai collaboratori scolastici degli Istituti Comprensivi e dei Centri Creativi Solidali partner del progetto e non.

#andratuttobene - #insiemecelafaremo - #iorestoacasa. Sono state e sono ancora le frasi che ci accompagnano in queste settimane di emergenza sanitaria. Così in questi giorni di distanziamento sociale abbiamo sicuramente potuto riflettere e immaginare il futuro. 
E allora 3, 2, 1… Libera un’idea! Scrivi una poesia, un racconto, una lettera, una canzone - parole e musica! 
Realizza un disegno, un’illustrazione, un fumetto; scatta una foto, crea una videoclip o un cortometraggio.
Metti in campo un’azione o sviluppa un’idea per migliorare la vita della tua community! ponendo al centro della Tua idea il futuro dei giovani e il miglioramento della loro vita sociale.

ISCRIVITI e PARTECIPA alla I edizione del contest Libera un’idea! dedicato ai ragazzi e alle ragazze, ai genitori, agli insegnanti e ai collaboratori scolastici degli Istituti Comprensivi e dei Centri Creativi Solidali. 

Il progetto APERTO A TUTTI nasce nel contesto del progetto #LiberailFuturo promosso da Impresa Sociale Con i Bambini nel quadro del Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa.

Gli obiettivi del concorso sono:

  • promuovere il confronto costruttivo tra gli alunni e gli insegnanti, e più in generale tra giovani e adulti, premiando la loro dedizione alla conoscenza del linguaggio artistico, che diventa un’importante occasione di arricchimento delle esperienze personali;
  • stimolare le capacità intellettive e di conoscenza attraverso un percorso di composizione interdisciplinare;
  • attivare gli studenti di diverse età sul tema dell’immaginare e costruire assieme orizzonti concreti di giustizia sociale nei rispettivi contesti;
  • incoraggiare i giovani alla progettazione e realizzazione di contenuti che possano permettergli di esprimere le proprie capacità e inclinazioni, i propri talenti e punti di vista;
  • proporre occasioni di dialogo e socializzazione.

Oggetto del concorso è la realizzazione di un elaborato / opera individuale o di gruppo che ponga al centro il futuro dei giovani e il miglioramento della loro vita sociale, attraverso la costruzione di un “altro e altrove”, inteso come un percorso condiviso per immaginare e realizzare nuovi concreti obiettivi e più netti orizzonti.

È possibile scegliere fra 3 categorie di concorso:

  1. Writing – Elaborati scritti in forma poetica o di prosa, senza limiti di lunghezza (poesie, racconti, blog, lettere, canzoni…)
  2. Visual – Elaborati grafici, video o fotografici, senza limiti di dimensioni (disegni, dipinti, illustrazioni, fumetti, fotografie, documentari, cortometraggi, videoclip…)
  3. Best Practices – Elaborati (audio, video, fotografici o scritti) che documentino delle azioni e/o idee – individuali o di gruppo – che apportino un miglioramento alle condizioni di vita della propria comunità, con particolare riferimento al mondo dei giovani. Le “buone pratiche” possono essere di tipo sociale, ambientale o culturale.

È possibile partecipare con più idee e a più categorie. 
Per scoprire il contest e iscriversi https://www.liberailfuturoroma.it/contest-libera-un-idea 

Cos’è il progetto #liberailfuturo

L’idea progettuale presentata da Arciragazzi Comitato di Roma (Capofila del Progetto), da CeIS Centro Italiano di Solidarietà, dall’ANCos Confartigianato persone e da altre numerose compagini, nell’ambito del Bando Adolescenza del Fondo Povertà Educativa, è realizzata con la finalità di contrastare le cause di povertà educativa minorile attraverso approcci multifunzionali.

Il progetto prevede infatti interventi coordinati di prevenzione secondaria per adolescenti, loro insegnanti e famiglie, da attuare nel ciclo della scuola Secondaria di I grado e nella prima fascia della scuola Secondaria di II grado. L’intento permane quello di limitare il tasso di dispersione e di ridurre quell’area di disagio adolescenziale che si evidenzia soprattutto in perdita della motivazione alla continuazione degli studi, problemi di socializzazione e difficoltà relazionali fuori e dentro la famiglia.

Gli interventi, mirati a ridurre il tasso di dispersione scolastica e abbandono degli studi, nonché i problemi relazionali e di socializzazione spesso acuiti nella fase adolescenziale, saranno realizzati in numerosi istituti secondari di I e II grado della Capitale, e includeranno giovani tra gli 11 ed i 17 anni, le loro famiglie e i loro insegnanti. Oltre alle principali agenzie educative scolastiche, il progetto ha l’obiettivo di strutturare e rafforzare il ruolo formativo di tutti i soggetti che compongono l’universo relazionale dei ragazzi, muovendo dalla consapevolezza che l’educazione delle nuove generazioni non passa unicamente per le istituzioni, bensì dal più ampio contesto territoriale. È così che si vuole creare una comunità educante, attraverso la collaborazione e il coinvolgimento delle scuole primarie e secondarie, e di tutti quei soggetti pubblici e privati che hanno la comune visione di una necessaria responsabilità diffusa nell’educazione giovanile.