Il progetto è partito: panoramica degli istituti coinvolti e dei laboratori in calendario

Il progetto è partito: panoramica degli istituti coinvolti e degli interventi in calendario

Nelle scorse settimane le prime attività del progetto #Liberailfuturo hanno ufficialmente preso il via negli Istituti partner: quattro i laboratori didattici avviati nelle classi I delle scuole secondarie di primo grado, introdotti da un’attenta valutazione del contesto educativo, sociale e relazionale dei ragazzi e delle ragazze coinvolte.
I tutor di #Liberailfuturo, progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, hanno proceduto alla somministrazione di un questionario mirante ad analizzare i bisogni e le richieste degli studenti che partecipano al progetto, i problemi riscontrati nelle aule e le possibili soluzioni suggerite dai ragazzi, nonché il tipo di rapporto instaurato da questi ultimi con i propri insegnanti.

Leggi tutto

Tutti partner del progetto #Liberailfuturo

Tutti partner del progetto #Liberailfuturo#Liberailfuturo, progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, nasce dal sogno di moltissime persone che condividono una certezza: la necessità di collaborare per garantire risultati concreti, duraturi e che impattino positivamente sul maggior numero di minori possibile. Gli attori del Terzo Settore sanno bene che ogni grande ideale inizia a divenire realtà solo nel momento più altruistico del suo sviluppo e della sua programmazione: la condivisione di quell’ideale con un’ampia rete di sostegno.

Oggi vogliamo parlarvi di tutti i partner che credono e contribuiscono a #Liberailfuturo, senza i quali molti ideali sarebbero rimasti solo nella nostra testa.

Leggi tutto

L’importanza di “fare rete”. I progetti per combattere la povertà educativa minorile si incontrano

L’importanza di “fare rete”. I progetti per combattere la povera educativa minorile si incontranoLo scorso 8 novembre a Roma presso la sede CESV - Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio, si è tenuto un incontro molto importante tra tutti gli Enti, le Associazioni e i Soggetti vincitori dei bandi per il contrasto alla povertà educativa nella fascia adolescenza indetti dall’Impresa Sociale Con i Bambini, con lo scopo di mettere in rete tutti i progetti dedicati all’argomento soprattutto relativamente alla comunicazione.

Lavorare insieme alla condivisione e diffusione delle informazioni al riguardo consente infatti non solo di raggiungere un’audience maggiore, ma anche di coordinare internamente gli interventi e garantire una solida continuità agli effetti positivi delle nostre azioni. I singoli progetti non verranno snaturati nelle loro peculiarità, ma anzi potranno funzionare da sostegno reciproco e da motori di innovazione e creatività per tutte le azioni legate al contrasto della povertà educativa minorile.

Leggi tutto

Creatività e cultura per contrastare la povertà educativa minorile

Creatività e cultura per contrastare la povertà educativa minorileProvate per un solo momento a pensare al termine “cultura giovanile”. Vi verranno in mente una serie di connessioni logiche, come la volontà di trasgressione sociale tipica dell’età adolescenziale, gli strettissimi rapporti di amicizia che si instaurano proprio in quegli anni particolari, i primi amori e le infinite discussioni tra figli e genitori. Forse a queste raffigurazioni vorreste aggiungerne altre, quelle che più di una volta è capitato di leggere sui giornali o di ascoltare alla televisione: il fatto che i giovani, oggi, siano un po’ troppo “difficili”, “schizzinosi”, “svogliati” e “viziati”. Che non abbiano voglia di rimboccarsi le maniche e che non conoscano l’etica del sacrificio. Da qualche anno a questa parte, se si pensa ai giovani, è più semplice immaginare l’assenza di una “cultura” ben definita piuttosto che una cultura vera e propria. Ed è la prima volta dagli anni ’50 a questa parte che ciò avviene, ovvero da quando la società ha riconosciuto a ragazzi e ragazze una specifica caratterizzazione culturale.

Leggi tutto

Solidarietà ed inclusione giovanile

Solidarietà ed inclusione giovanileNella sua Politica, Aristotele scriveva che l’uomo è un animale politico e sociale, intendendo con ciò che a causa della nostra stessa natura e del nostro istinto più primordiale siamo portati a formare dei gruppi comunitari assieme ai nostri simili, coi quali ci confrontiamo attraverso il dialogo in vista del raggiungimento di scopi collettivi. Ogni Stato, a detta del filosofo, altro non è infatti che una grande comunità, costituita con la finalità di perseguire determinati obiettivi. Ed è a questo vasto gruppo di nostri simili, coi quali condividiamo determinate caratteristiche, che ci si riferisce con il termine di inclusione sociale. Il bisogno di appartenenza al gruppo è innato negli individui e fortemente correlato alla necessità di sentirsi “accolti” in un’unità più grande del singolo. Il valore dell’inclusione è quello di garantire a ciascun individuo, indipendentemente dagli eventuali elementi limitanti che lo ostacolano, l’inserimento ottimale all’interno della società di riferimento, in uno stato di pari opportunità ed equità.

Leggi tutto

Libertà e partecipazione: i giovani sono il futuro?

Libertà e partecipazione: i giovani sono il futuro?La scelta della rappresentazione grafica del progetto #Liberailfuturo, progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, non è stata semplice.
Le attività messe in campo riguardano svariati ambiti, ma dalla loro apparente frammentazione emerge una finalità ultima sostanzialmente comune: riscoprire la centralità della cultura giovanile nella nostra società.

Spesso sentiamo dire che “i giovani sono il futuro”, ma non altrettanto spesso ci interroghiamo a fondo sulle implicazioni di questa affermazione. Oggi vogliamo cominciare un dibattito “critico” per riflettere veramente sul ruolo dei giovani nel mondo contemporaneo, e vogliamo farlo analizzando le keywords scelte per incarnare i principi di #Liberailfuturo: cittadinanza e partecipazione, solidarietà, creatività e cultura.

Iniziamo proprio da cittadinanza e partecipazione.

Leggi tutto

L'indice di povertà educativa e gli indicatori percentuali

Libera il futuro: l'indice di povertà educativa e gli indicatori percentualiNel 2014 viene introdotto per la prima volta l’Indice di Povertà Educativa (IPE), che misura i progressi dell’offerta educativa a livello regionale con lo scopo di monitorare e favorire la resilienza degli oltre un milione trecentomila bambini che vivono in condizioni di povertà assoluta nel nostro paese. La resilienza viene definita come “la capacità di un sistema, sia esso un individuo, una città, una foresta, un’economia, di affrontare i cambiamenti e progredire. Rappresenta la capacità di utilizzare positivamente le crisi per stimolare il pensiero innovativo”, e per verificarne l’incremento l’IPE si compone di dodici indicatori percentuali:

Leggi tutto

Contrasto della povertà educativa

Povertà educativa#Liberailfuturo, progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, è un programma che prevede una serie di attività integrate di contrasto alla povertà educativa dei bambini e dei ragazzi di età compresa tra gli 11 ed i 17 anni e residenti nei Municipi romani che partecipano al progetto.

Ma che cos’è la povertà educativa?

Dal primo incontro indetto tra tutti i partner che partecipano al progetto è emersa la necessità di porsi questo interrogativo: dalla capacità di fornire una risposta valida e sostanziale dipende infatti la capacità di definire obiettivi reali verso cui dirigere i nostri sforzi.

Il concetto di povertà educativa viene molto spesso banalizzato dal senso comune. Il Rapporto “La Lampada di Aladino” redatto da Save the Children nel 2014 definisce la povertà educativa come la “privazione, per i bambini e gli adolescenti, dell’opportunità di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni”. Salta subito all’occhio l’assenza di accenni alla povertà economica, che nonostante venga comunemente ritenuta la causa primaria di povertà educativa si rivela in concreto insufficiente a spiegarne le dinamiche. Altro termine mancante in questa definizione è evidentemente “l’abbandono degli studi”, che può sì essere un effetto collaterale della povertà educativa ma che non la ingloba e non la spiega nella sua totalità (viceversa, non è detto che l’abbandono degli studi configuri una realtà di povertà educativa).

Leggi tutto

Prima giornata di incontro tra i partner del progetto #LiberailFuturo

Nella mattinata di martedì 10 ottobre, presso la sede di Arciragazzi Comitato di Roma, si è tenuto il primo incontro operativo tra tutti i partner coinvolti in #Liberailfuturo. Un momento dove ogni partner del progetto, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, ha potuto presentare i numerosi strumenti e tutte le capacità e professionalità che verranno messe in campo affinché #Liberailfuturo lasci davvero un segno tangibile e duraturo sul territorio.

L’incontro si è aperto con l’intervento del Presidente di Arciragazzi Comitato di Roma, Anna Maria Berardi, che ha voluto ribadire, alla presenza di tutti, gli obiettivi primari del progetto: il contrasto alla povertà educativa che vede tutti uniti nello sforzo di dare vita ad una Comunità Educante capace di offrire continuità alle azioni ai loro effetti positivi ben oltre la durata formale delle iniziative del partenariato nel triennio di attività.

Povertà educativa intesa come privazione, per i bambini e gli adolescenti, dell’opportunità di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni.

Leggi tutto

Presentazione del progetto #liberailfuturo a “La Città in Tasca”

Presentazione del progetto #liberailfuturo a “La Città in Tasca”Mercoledì 5 Settembre alle ore 11.30, con la preziosa ospitalità dell’Evento storico dell’Estate Romana "La Città in Tasca" nella splendida cornice del Parco degli Scipioni in Via di Porta Latina 10, si svolgerà la presentazione del progetto #liberailfuturo promosso dall’Arciragazzi Comitato di Roma, il CeIS Centro Italiano di Solidarietà, l’ANCos Confartigianato persone con numerosi partner, nell’ambito del Bando Adolescenza del Fondo Povertà Educativa, con la finalità di contrastare le cause di povertà educativa minorile attraverso approcci multifunzionali.

Leggi tutto